Logo mondoli2

R946X259IT

Le 26 lettere dell'alfabeto tedesco

La maggior parte delle lettere sono pronunciate in tedesco così come sono scritte. Le vocali semplici si pronunciano come in italiano. Hanno suono lungo e chiuso quando sono seguite da una sola consonante o da una h (che in questo caso è muta). Es: Esel, Mehl. Hanno suono breve e aperto quando sono seguite da più consonanti o da una consonante doppia. Es: Ente, Lamm. Le vocali con la dieresi (Umlaut) e cioè Ä, Ö, Ü sono pronunciate in modo diverso (Vedi paragrafo successivo).

Segno
Nome
Suono
Pronuncia ed esempi
A, a A a Come in italiano. Esempio: Apfel
B, b Be be In fine di parola o sillaba o davanti a s o t suona <p>. Es: Lob <lop>, Absatz <apsazz>, Erbse <erpse>, lebt <lept>. Altrimenti come in italiano. Es: Bank
C, c Ce tse ce, ci suonano rispettivamente tse, tsi; ca, co, cu = ka, ko, ku.
D, d De de In fine parola o seguita da t finale si pronuncia <t>. Es: Abend <abent>, Stadt <statt>. Altrimenti come in italiano. Es: Dach
E, e E e Nelle finali -el e -en ha un suono brevissimo e appena accennato. Es: Adel <adel>, Leben <leben>. Nelle finali -er suona come <a> (anche la r si pronuncia quasi come una “a” appena accennata e aperta). Es: Leder <ledaa>
F, f Ef ef Come in italiano. Esempio: Farbe
G, g Ge ghe Come in "gatto" (Es: Gelb <ghelb>) tranne nelle parole di origine straniera (Es: Genre) dove segue la pronuncia della lingua di origine. Preceduta da n diventa molto debole e viene pronunciata in un unico suono leggermente nasale. Es: lang <lang>. In alcuni casi tende a suonare come la k (Es: Guck mal! <kuck mal> più spesso a fine parola (Guten Tag! <guten tak>). Nelle parole che finiscono per -ig si pronuncia come ch nella combinazione ich. (vedi sopra, lettera C)
H, h Ha ha È sempre aspirata ad inizio parola (Es: Haus) o sillaba. (Es: Krankenhaus). Quando segue una vocale non viene pronunciata ma allunga il suono della vocale che la precede. Es: Fahrt
I, i I i Come in italiano. Esempio: lch
J, j Jot iót Suona come la i italiana (Es: Ja <ià> tranne nelle parole di origine straniera (Es: Journalist, Joystick, ecc) dove segue la pronuncia della lingua di origine.
K, k Ka ka Come la c di "cane". Es: Katze
L, l El el Come in italiano. Esempio: Liebe
M, m Em em Come in italiano. Esempio: Mutter
N, n En en Come in italiano. Esempio: Nase
O, o O o Come in italiano. Esempio: Obst
P, p Pe pe Come in italiano. Esempio: Pelikan
Q,q Qu qu Come in italiano. Esempio: Qualle
R, r Er er Seguita da una vocale o a inizio della parola è “moscia” con articolazione leggermente gutturale vicina alla “g”o alla “k”. Gras, Kralle
Seguita da una consonante o a fine parola, diventa molto debole e si pronuncia quasi come una “a” appena accennata e aperta: der <dea>, er  <ea>, hie<hia>, morgen <moagen>, wir <via>
S, s Es ess Ha suono dolcissimo tendente a z dolce a inizio parola o sillaba. Sonne <szonne>. In fine parola è aspra e forte: das <dass>
T, t Te te Ha spesso un suono più squillante che in italiano. Es: Tablett
U, u U u Come in italiano. Esempio: Uhr<uua>
V, v Vau fau Suona f nelle parole tedesche (Vater<fataa>), v nelle parole di origine straniera (Vokal<Vocal>).
W, w We ve Ha il suono della v italiana. Es: Wal <val>
X, x Ix ics Suono normale della x <ks>. Es: Xylophon <ksülofon>
Y, y Ypsilon üpsilon Si pronuncia come ü (Es: Xylophon <ksülofon>) tranne nelle parole di origine straniera (Es: Yoga <iòga>)
Z, z Zet tzet Sempre come la z aspra italiana <ts>. Es: Zahl <tsa:l>

Vocali con Umlaut ed S-dura

Esistono inoltre le varianti fonetiche delle vocali A, O, U, rappresentate con la dieresi (Umlaut), e della consonante S.

Segno
Nome
Suono
Pronuncia ed esempi
Ä, ä A-Umlaut a umlaut "E" aperta come in "bène", "prèmio". Si può anche scrivere: ae: Es: Bär
Ö, ö O-Umlaut o umaut Tra la "O" e la "E", con le labbra chiuse a bacio. Si può anche scrivere: oe. Öl
Ü, ü U-Umlaut u umlaut Tra la "U" e la "I", con le labbra chiuse a bacio. Si può anche scrivere: ue. Es: Tür
-, ß Eszet es tzet Simile alla doppia S italiana. Ha solo la minuscola e non è mai ad inizio parola. Es: Straße

 

I dittonghi

Alcuni dittonghi (coppie di vocali non separabili in sillabe) non si pronunciano come si scrivono.

Dittongo
Pronuncia ed esempi
ei, ey  Suona <ai>, come nella parola italiana "mai". Es: Eis <àis>, Meyer <màier>.
eu, äu  Suona <oi>, come in "poi". Es: Eule <òile>, Mäuse <mòise>

  

Altre combinazioni di vocali

Combinazione
Pronuncia ed esempi
aa, ee, oo Come una sola vocale ma con suono molto prolungato. Es: Paar, Meer, Moos
ie  "i", con suono prolungato. Es: Lied. Attenzione:  se la i e la e appartengono a due sillabe diverse si pronunciano distintamente. Es: Italien, Linie 

  

Combinazioni di consonanti

Combinazione
Pronuncia ed esempi
ck Suona <kk> come in italiano "tocco" <tokko> Es: Decke <dekke>
ch Nelle combinazioni ichechächöchüch ha suono molto simile a sc nell'italiano "scena" ma pronunciato con le labbra aperte come in un piccolo sorriso; nelle combinazioni achochuch ha suono simile al precedente ma più di gola e aspro.
chs Quando si trovano nella stessa sillaba suonano come x. Es: Fuchs <fux>
sch Come sc nell'italiano "scena". Es: Schmuck <scmukk>
dsch Come la "g" dolce di "gente". Es: Dschungel <giùng.el>
tsch Come la "c" dolce di "ciuffo". Es: Tschüss<ciü`ss>
ph Se appartengono alla stessa sillaba, suonano come la "f". Es: Phantasie<fantasi':>